Sguardo multiforme e presente transnazionale. Letteratura contemporanea e prospettive interculturali

Barbara Ronchetti

Abstract


Di fronte al mutare di aree territoriali, filosofiche e immaginarie il presente si delinea come uno spazio identificabile in modo labile, entro il quale donne e uomini subiscono il flusso di accadimenti non sempre comprensibili, inseguendo con vigore un legame fra le parti, riconoscendo la sponda che li separa dalla realtà contigua come una frontiera aperta il cui confine è nell’occhio capace di vedere. Gli spazi della loro azione saranno segnati non da singolarità e definitezza di limiti, ma da molteplicità e allargamento di sponde e passaggi, «spazi del mezzo» nel nostro presente «ibrido», senza casa (Bhabha 2001; Laplantine, Nouss, 2006). A ben guardare, la qualità sconcertante del presente attraversa i pensieri e le riflessioni di artisti e filosofi nelle diverse società del passato. Pur nella consapevolezza delle differenze e delle domande specifiche che ogni età pone ai suoi letterati, è interessante riconoscere l’esistenza di un sentire contemporaneo che sia comune (almeno per alcuni tratti) a tutte le epoche. La parziale e talvolta ingannevole coincidenza fra le qualità del presente e gli strumenti di indagine che le scoperte della scienza e della tecnica mettono a disposizione dei contemporanei (oggi soprattutto i luoghi virtuali) assegna alla contemporaneità una diversa funzione e attira l’interesse degli osservatori, soprattutto delle generazioni più giovani, che delle nuove tecnologie non colgono il valore rivoluzionario (o distruttivo, a seconda dei punti di vista), ma su di esse si formano e si informano.


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


___________________________________________

Novecento transnazionale. Letterature, arti e culture / Transnational 20th Century. Literatures, Arts and Cultures
ISSN 2532-1994

Dipartimento di Studi greco latini, italiani, scenico musicali
Sapienza Università di Roma
Piazzale Aldo Moro 5
00185 Roma