Esilio «interno» ed «esterno» nella storia letteraria romena fra il 1945 e il 1989

Alexandra Vranceanu

Abstract


Commenterò tre mutamenti essenziali generati nel canone letterario romeno dal recupero della scrittura dell’esilio e in particolar modo «dell’esilio interno», costituita da quelle opere che nel periodo del comunismo non avrebbero potuto in nessun caso essere pubblicate in Romania e che sono rimaste rinchiuse «nel cassetto». Partendo dall’analisi delle opere di Cioran, C. Noica e N. Steinhardt, argomenterò che la storia letteraria romena sotto il comunismo si dovrebbe trattare partendo da queste due forme di letteratura dell’esilio e prendendone in considerazione la svolta verso il transnazionale. In primo luogo s'impone una revisione della relazione fra letteratura e storia, prendendo in considerazione il rapporto fra il valore estetico e quello  documentario; in secondo luogo occorre rimettere in discussione il rapporto fra etico ed estetico, per quanto riguarda il ruolo sociale di queste opere; in terzo luogo si rende necessaria una nuova valutazione dei rapporti fra letteratura dell'esilio esterno e la letteratura dell'esilio interno. Tutto ciò comporta una modifica implicita della visione della storia letteraria nazionale, che si vede obbligata a considerare anche la sua dimensione transnazionale: come è sopravvissuta e come si è sviluppata la letteratura romena nel contesto dell'esilio interno e in quello dell'esilio esterno, che talvolta presuppone anche la poliglossia?

 

 


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


___________________________________________

Novecento transnazionale. Letterature, arti e culture / Transnational 20th Century. Literatures, Arts and Cultures
ISSN 2532-1994

Dipartimento di Studi greco latini, italiani, scenico musicali
Sapienza Università di Roma
Piazzale Aldo Moro 5
00185 Roma