La costruzione del canone modernista. Un fenomeno circolare di accumulazione simbolica (1850-1970)

Beatrice Joyeux-Prunel

Abstract


Una prospettiva transnazionale, sociale e di lunga durata restituisce un'idea molto diversa della storia delle avanguardie rispetto al canone narrativo dei nostri musei. Tale canone parla esclusivamente a un’ élite che fatica essa stessa a uscire dalle categorie, dagli “ismi” e si interessa soprattutto ad alcuni artisti (uomini, bianchi, europei o statunitensi), le cui opere hanno raggiunto le quotazioni più alte nelle vendite d'asta. Seppur differenti prospettive teoriche abbiano cercato di combattere questo canone a partire dagli anni settanta, nulla è realmente cambiato: l'assenza assoluta di donne e di culture straniere, a meno che non vengano idealizzate e decontestualizzate, la focalizzazione su Parigi e New York, la concezione lineare della storia come successione di momenti vittoriosi di contestazione di un passato costantemente dequalificato, la consacrazione di quattro o cinque artisti per generazione, la negazione delle logiche socio-economiche e coloniali, continuano a caratterizzare le metodologie della storia dell’arte. Questo saggio intende sottolineare come tali categorie e modelli abbiano contribuito alla costruzione di particolari passaggi della storia dell’arte del XX secolo individuando autori, fasi e soprattutto ipotesi salienti di una storiografia recente che ha tentato di delineare differenti prospettive critiche. 


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


___________________________________________

Novecento transnazionale. Letterature, arti e culture / Transnational 20th Century. Literatures, Arts and Cultures
ISSN 2532-1994

Dipartimento di Studi greco latini, italiani, scenico musicali
Sapienza Università di Roma
Piazzale Aldo Moro 5
00185 Roma