L'integrazione finanziaria europea e la sfida del 1992: è l'approccio di mercato sufficiente? (European financial integration and the 1992 challenge: is the market approach sufficient?)

M. SARCINELLI

Abstract


La nuova fase dell'integrazione europea è stata sviluppata in parallelo con un progressivo rafforzamento della cooperazione internazionale nel campo della macroeconomia. Ciò ha coinciso con il rifiuto di posizioni che riflettono la convinzione che i mercati erano auto-regolazione e di un eccesso di fiducia nella razionalità delle aspettative. In effetti, l'emergere e il peggioramento fiscale, commerciale e dei pagamenti squilibri con l'estero ha portato ad una riconsiderazione dell'approccio ai problemi della politica economica internazionale. Il presente articolo esamina gli aspetti finanziari di integrazione nella prospettiva degli obiettivi del 1992, e il ruolo che l'Italia di in questo contesto. Dopo aver ricordato le caratteristiche principali del processo di integrazione europea, le implicazioni della liberalizzazione dei movimenti di capitali e dei servizi finanziari per le banche e per gli agenti italiani vengono analizzati. L'autore sostiene che, anche se i mercati possano determinare incrementi di produttività e l'efficienza, sarebbe imprudente di affidare loro distribuzione in modo equo e compensare coloro che sono svantaggiati

The new phase of European integration is being developed in parallel with a gradual strengthening of international cooperation in the field of macroeconomics. This has coincided with the rejection of positions that reflected the belief that markets were self-regulating and an over-confidence in the rationality of expectations. Indeed, the emergence and worsening of fiscal, trade and payments imbalances with foreign countries has led to a reconsideration of the approach to the problems of international economic policy. The present article looks at the financial aspects of integration in the prospect of the 1992 objectives, and Italy’s role within this context. After recalling the main features of the process of European integration, the implications of the liberalisation of capital movements and financial services for banks and for Italian agents are analysed. The author argues that although markets may determine productivity gains and efficiency, it would be imprudent to entrust them with distributing them fairly and compensating those who are disadvantaged.

 

JEL: F36


Keyword


European integration, financial aspects, Italy, capital movements, financial services

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2016 M. SARCINELLI

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

 

Con il contributo di  

ISSN 2037-3651

Reg. Tribunale di Roma n.377/2009 del 19/11/2009