La “Partita Hemingway”: Hemingway e l’editoria italiana dal dopoguerra a oggi

Paolo Simonetti

Abstract


Durante la Seconda guerra mondiale la letteratura americana in Italia svolge un ruolo fondamentale, fino a configurarsi come un vero e proprio mito culturale. Al centro di questo mito ambivalente e contraddittorio c’è Ernest Hemingway: i suoi libri vengono letti come un piacere proibito e sovversivo, da assaporare in segreto contravvenendo al bando del regime fascista. Le opere di Hemingway, come anche la sua vita, assumono un significato mitico per scrittori di sinistra come Elio Vittorini e Cesare Pavese, oltre che per i partigiani e i critici militanti – un mito che l’industria letteraria italiana cerca immediatamente di accaparrarsi per poi rivenderlo. La storia delle due più importanti case editrici del periodo, Einaudi e Mondadori, è infatti legata a doppio filo alla ricezione delle opere di Hemingway: nella seconda metà degli anni Quaranta Arnoldo Mondadori e Giulio Einaudi sono avversari in quella che lo stesso Einaudi definisce “partita Hemingway”, un duello che nessuno dei due editori è intenzionato a perdere. Servendosi di fonti documentarie, letterarie e biografiche, oltre che di alcune opere incentrate sulla storia delle due case editrici, questo saggio si propone di ripercorrere alcune tappe importanti della ricezione critica di Hemingway in Italia, a partire dal secondo dopoguerra e fino agli sviluppi più recenti. 


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Albonetti, P. (a cura di), Non c’è tutto nei romanzi. Leggere romanzi stranieri in una casa editrice negli anni ’30, Milano: Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, 1994.

Briasco, L. Retoriche del conflitto. Identità, amore e guerra in A Farewell to Arms di Ernest Hemingway, Roma: Lozzi & Rossi, 2001.

Calvino, I. Lettere 1940-1985, Milano: “I Meridiani” Mondadori, 2000.

Cecchi, E. “Introduzione all’edizione del 1942”, in E. Vittorini, Americana, Milano: Bompiani, 1999.

Cirino, M. e Ott, M. P. (a cura di),Hemingway and Italy: Twenty-First Century Perspectives, Gainesville: University Press of Florida, 2017.

Decleva, E. Arnoldo Mondadori, Torino: UTET, 2007.

Di Robilant, A. Autunno a Venezia. Hemingway e l’ultima musa, Milano: Corbaccio 2018.

Fernandez, D.Il mito dell’America negli intellettuali italiani, Caltanissetta-Roma: Salvatore Sciascia Editore, 1969.

Hemingway, E. By-Line. Dal nostro inviato Ernest Hemingway, Milano: Mondadori 1977 (1967).

-------. E. The Letters of Ernest Hemingway, vol. 1, 1907-1922, a cura di S. Spanier e R. W. Trogdon, Cambridge: Cambridge University Press, 2011.

“Hemingway è di nuovo in Italia”,Corriere d’Informazione, 2-3 ottobre 1948.

La Mendola, V. “‘Crazy for you’: Hemingway e Mondadori”. Q.B. on line, no.14 (marzo 2015). http://www.fondazionemondadori.it/qb/index.php?issue_id=53

Mangoni, L. Pensare i libri. La casa editrice Einaudi dagli anni trenta agli anni sessanta, Torino: Bollati Boringhieri, 1999.

Munari, T. L'Einaudi in Europa, Torino: Einaudi, 2016.

Owen, R. Hemingway e l'Italia. Trad. di Daniela De Lorenzo. Roma: Donzelli, 2017.

Polonio. “Lunario delle lettere”. Corriere d’Informazione, 17-18 novembre 1948.

Pozzi, P. A. “AMEG II. Ad Maiorem Ernesti Gloriam, II”. Blog online: Ernest Hemingway. Il volo della pispola. https://ilvolodellapispola.wordpress.com/2018/04/28/ernest-hemingway-7/

Vittorini, E. Americana, Milano: Bompiani, 1999 (1942).




DOI: https://doi.org/10.13133/2532-1994_3.6_2019

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


___________________________________________

Novecento transnazionale. Letterature, arti e culture / Transnational 20th Century. Literatures, Arts and Cultures
ISSN 2532-1994
DOAJ (Directory of Open Access Journals)
Fa parte delle riviste Scientifiche dell'Area 10 (ANVUR)

Dipartimento di Lettere e Culture Moderne

Facoltà di Lettere e Filosofia
Sapienza Università di Roma
Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma