Genealogie. Dalle pratiche di autorganizzazione ai processi di regolazione statuale: verso la costruzione di nuovi cantieri di autocostruzione urbana.

Lidia Decandia

Abstract


Il saggio, a partire da una ricostruzione storica dell’importante ruolo svolto dai processi di autoorganizzazione nella costruzione delle forme di territorialità e nella produzione dei contesti urbani, individua nell’affermarsi della visione cartografica e nell’emergere dell’organizzazione dello Stato moderno i passaggi chiave attraverso cui prende l’avvio un nuovo modo di guardare al territorio. È a partire da questo momento, infatti, che il territorio, prima considerato come un organismo complesso, fatto da realtà autoorganizzate, comincia ad essere trattato come una superficie vuota su cui far calare dall’alto un progetto interamente pensato o una legge elaborati da un soggetto astratto e impersonale. Nel decostruire le premesse fondate ma infondantiin cui questa visione del mondo, affonda le sue stesse basi, il saggio invita a guardare con attenzione le nuove pratiche autoorganizzative che emergono nei territori contemporanei.   


Parole chiave


autoorganizzazione, svolta cartografica, Stato moderno

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Cellamare C. (2018). Cities and self-organisation. in Tracce urbane, 3.

Consonni G. (2013). La bellezza civile. Splendore e crisi della città. Santarcangelo di Romagna: Maggioli.

Cortese E. (1995). Il diritto nella storia medievale. L’Alto Medioevo. Roma: Il Cigno Galileo Galilei.

de Certeau M. (1990). L'invention du quotidien 1. Arts de faire, Paris: Gallimard.

Farinelli G. (2003). Geografia. Introduzione ai modelli del Mondo. Torino: Einaudi.

Foucault M. (1966). Les mot set les choses. Paris: Gallimard (trad. it., 1999, Le parole e le cose. Un'archeologia delle scienze umane. Milano: BUR).

Franchetti Pardo V. (2001). «Componenti territoriali e segnali politici nelle normative e nella prassi edilizia dei centri medievali italiani», in Franchetti Pardo V., Città, architetture e maestranze tra tarda antichità ed età moderna. Milano: Jaka Book, 173-191.

Franchetti Pardo V. (1992). «Elementi di territorialità nelle normative dei centri medievali italiani». in Franchetti Pardo V., « a cura di », Colà dove puosono il detto palazzo. Firenze: Alinea, 7-22.

Galletti A. I. (2000). «Le Languages de la culture urbaine (XIIe-XVe siecle)» in Cultures italiannes, sous la direction d’Isabelle Heullant-Dona, Paris: Les Editions du Cerf, 17-52.

Grossi P. (1995). L’ordine giuridico medievale. Bari: Laterza.

Grossi P. (2003). «Carnalità dello spazio giuridico», in Settimane di studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, L, Uomo e spazio nell’Alto Medioevo. 4-8 aprile, 2002, Tomo primo, Spoleto: Centro Italiano di Studi dell’Alto Medioevo.

Guidoni E. (1991). Storia dell'Urbanistica. Il Medioevo, Secoli VI-XII. Roma-Bari: Laterza.

Guidoni E. (1978). La città europea. Formazione e significato dal IV all'XI secolo. Milano: Electa.

Heers J. (1990). La ville au Moyen Âge. Paris: Fayard (trad. it., 1995, La città del Medioevo in Occidente. Paesaggi, poteri, conflitti, Milano: Jaca book).

Irti N. (2001). Norma e luoghi. Problemi di geodiritto. Bari: Laterza.

Lévy P. (1995). L' intelligence collective: pour une anthropologie du cyberspace. Paris: La Decouvert (trad. it., 2002, L’intelligenza collettiva. Per un’antropologia del cyber spazio. Milano: Feltrinelli.

Lefebvre H. (1968). Le droit à la ville. Paris: Anthropos (trad. it., 1970, Il diritto alla città. Padova: Marsilio Editori).

Menant F. (2005). L’Italie des communes (1100-1350). Paris: Éditions Belin (trad. it., 2011, L’Italia dei comuni (1100-1350). Roma: Viella.

Merleau Ponty M. (1964), L’oeil et l’ésprit. Paris: Gallimard (trad. it., 1989, L’occhio e lo spirito, Milano: Abcondita).

Moroni S. (2005). L’ordine sociale spontaneo. Conoscenza, mercato e libertà dopo Hayek. Torino: UTET.

Nuti L. (2002), «Lo spazio urbano: realtà e rappresentazione», in E. Castelnuovo, G. Sergi «a cura di», Arti e Storia nel medioevo. Tempi, spazi e istituzioni. Torino: Einaudi, vol. I: 201-239.

Quaini M. (1994). «La Liguria invisibile». in Storia d’Italia. Le Regioni dall’unità a oggi. La Liguria, Torino: Einaudi.

Sauerländer W. (2002). «Tempi vuoti e Tempi pieni». in Castelnuovo E. , Sergi G. « a cura di», Arti e storia nel medioevo. Tempi, spazi e istituzioni. Torino: Einaudi, vol. I: 121-170.

Schmitt C. (1974). Der Nomos der Erde: im Volkerrecht des Jus Publicum. Koln: Greven (trad. it., 2003, Il nomos della terra, Milano: Adelphi).

Sergi G. (2003). «La territorialità e l’assetto giurisdizionale e amministrativo dello spazio», in Settimane di studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, L, Uomo e spazio nell’alto medioevo, 4-8 aprile, 2002, Spoleto: Centro Italiano di Studi dell’Alto Medioevo. Tomo primo: 479-499.

Soja E.W. (2000). Postmetropolis. Critical Studies of Cities and Regions. Oxford: Blackwell Publishers (trad. it., 2007, Dopo la metropoli. Per una critica della geografia urbana e regionale. Frixia E. «a cura di», Bologna: Patron.

Vaccari P. (1963), La territorialità come base dell'ordinamento giuridico del contado nell'Italia medioevale, Pavia: Tip. Coop..

Vauchez A. (1995). «Introduction». in La religion civique à l’époque médiévale et moderne, Actes du colloque international, Nanterre 21-23 juin, 1993, Vauchez A. «a cura di», Roma: École francaise de Rome, 1-5.

Volli U. (2002). «Il testo urbano: visibilità e complessità», in Barenghi M., Canova G., Falcetto B., «a cura di», La visione dell’invisibile. Saggi e materiali su Le città invisibili di Italo Calvino, Milano: Arnoldo Mondadori.




DOI: https://doi.org/10.13133/2532-6562_2.4.14443

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Lidia Decandia



TU Tracce Urbane - Rivista Italiana Transdisciplinare di Studi Urbani - Italian Journal of Urban Studies. Rivista telematica scientifica della Sapienza Università di Roma registrata presso il Tribunale civile di Roma n 77 del 2017. ISSN: 2532-6562