Ibridi ferraresi. L’antropologia senza antropologi

Giuseppe Scandurra

Abstract


Oggetto di questo articolo è la formazione di una rete di intellettuali a Ferrara tra l’inizio degli anni Cinquanta e la fine degli anni Ottanta che hanno prodotto fuori e dentro le Mura cittadine una serie di opere visive – se pensiamo alla pittura, alla fotografia, al cinema, alla videoarte – di scritti – reportage, inchieste sociali, saggi, poesie, racconti, romanzi – di difficile classificazione. Alla base dello sguardo analitico di questa generazione di intellettuali vi era un punto di vista fortemente transdisciplinare laddove le separazioni tra discipline – a cominciare da quella studi scientifici/umanistici – erano meno evidenti, vista anche l’assenza di facoltà umanistiche e l’istituzione della prima cattedra di Antropologia a Ferrara solo nel 2008/2009. La domanda al centro di questo articolo è: prima della nascita di una cattedra di antropologia in che modo studiosi dallo sguardo urbano e artisti hanno prodotto pensieri ibridi, frutto di una contaminazione, attraverso un comune sguardo antropologico?

The present essay deals with the network of intellectuals that was active in Ferrara between the beginning of the Fifties and the end of the Eighties in the fields of visual arts – painting, photography, movies – and writing – reportage, social enquiry, essays, poetry, fiction – and which are rather difficult to classify. These intellectuals had an analytic view marked by a transdisciplinary approach, in an environment where the disciplinary boundaries, starting from the duality Human vs. Scientific studies, were much less sharp than they are today, due to the absence of a Humanities faculty. The first professorship of anthropology in Ferrara was established in 2008 – 2009. How did scholars and artists produce hybrid and contaminated views of the urban before the introduction of Anthropology? This is the question this article wants to answer.

 


Parole chiave


Parole chiave: antropologia, transdisciplinarietà, fiction/no fiction Keywords: anthropology, transdisciplinary, fiction/no fiction

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Boldrini A. (2014). Paolo Natali: un musicologo tra etnografia, didattica e teatro. Ferrara: Edisai

Bosio G. (1967). L’intellettuale rovesciato: interventi e ricerche sulla emergenza d'interesse verso le forme di espressione e di organizzazione spontanee nel mondo popolare e proletario, Milano: Del Gallo

Cirese M.A. (1976). «Presentazione», in Sitti R. L’operatore di cultura: memoria collettiva e iniziativa politica. Roma: Coines

Dei F. (2000). «La libertà di inventare i fatti: antropologia, storia, letteratura». Gallo Silvestre, 13 : 180-196

De Pisis F. (1923). La città delle cento meraviglie, ovverosia I misteri della città pentagona. Firenze: Vallecchi

Farnetti M. e Rimondi G., a cura di, 1991. Fuori le mura. Antologia di paesaggi letterari della pianura ferrarese. Ferrara: Spazio Libri Editori

Fiorillo P., a cura di, (2017). Arte contemporanea a Ferrara, Ferrara: Mimesis

Geertz, C. (1988). Antropologia interpretativa. Bologna: Il Mulino

Hirsch T. (2016). Le temps des sociétés. Paris: Ed. de l’EHESS

IBC. (1995). Il Po del ‘900. Bologna: Grafis Edizioni

Lepenies W. (1987). Le tre culture. Sociologia tra letteratura e scienza. Bologna: Il Mulino

Micalizzi P. (2010). Là dove scende il fiume. Il Po e il cinema. Firenze: Aska

Moretti W., a cura di, 1980. La cultura ferrarese fra le due guerre mondiali, Bologna: Cappelli (Atti del Convegno di Studi promosso dall’Istituto di Filologia Classica e Modena dell’Università degli Studi di Ferrara e dall’Assessorato alle Istituzioni Culturali del Comune di Ferrara)

Roda R. (2017). «Gli anni dell’entusiasmo: arte, cultura e costume a Ferrara (1962-1978)». In Fiorillo P., a cura di, Arte contemporanea a Ferrara. Ferrara: Mimesis, 47-75

Salkoff Cernuschi S. (1981). La città senza tempo, Bologna: Il Mulino

Sitti R. (1976). L’operatore culturale. Roma: Coines

Sobrero, M.A. (2010). Il Cristallo e la fiamma. Antropologia tra scienza e letteratura. Roma: Carocci

Tassinari V. (2017). «1963-1993 Gli anni d’oro. Le grandi mostre e la costellazione dei Diamanti». In Fiorillo P., a cura di, Arte contemporanea a Ferrara. Ferrara: Mimesis, 31-46

Trasforini M.A. (2001). «La città d'arte come oggetto culturale. Ferrara: Uno studio di cultura urbana». Polis, 15 (2): 249-268

Topalov C. (2019). «Des sciences sociales dans le temps». Genèses: 160-169 (https://www.cairn.info/revue-geneses-2019-1-page-160.htm)

Turnaturi G. (2003). Immaginazione sociologica e immaginazione letteraria, Roma-Bari: Laterza

“Voci del Delta” (1953). Ferrara: Edizioni Gioventù

Zevi B. (1960). Biagio Rossetti architetto ferrarese: il primo urbanista moderno europeo. Torino: Einaudi




DOI: https://doi.org/10.13133/2532-6562_3.6.15632

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2019 Giuseppe Scandurra



TU Tracce Urbane - Rivista Italiana Transdisciplinare di Studi Urbani - Italian Journal of Urban Studies. Rivista telematica scientifica della Sapienza Università di Roma registrata presso il Tribunale civile di Roma n 77 del 2017. ISSN: 2532-6562