Passeggiando con Engels alla scoperta della città moderna

Giuseppe Scandurra

Abstract


Nel 1845 Engels finisce di scrivere “La situazione della classe operaia in Inghilterra”. Un libro che, riletto oggi, evidenzia tutta la sua complessità e ricchezza laddove l’autore tenta di rispondere a domande che ancora oggi rimangono centrali per tutti coloro che fanno parte di ciò che in questo articolo proverò a chiamare urban studies. Difficile in questo senso, giudicare il libro di Engels: a quale sguardo disciplinare “ingabbiarlo”? In questi ultimi 175 anni saranno infatti tanti i ricercatori e le ricercatrici, con sguardi disciplinari differenti, che ripartiranno dalle questioni sollevate dallo studioso tedesco per descrivere e analizzare il processo di nascita delle città moderne; ma saranno tanti anche i romanzieri che prenderanno ispirazione dal testo di Engels, a dimostrazione di come la sua opera fu sempre percepita come un prodotto scientifico costruito su dispositivi narrativi difficilmente classificabile nel gioco attuale dei settori scientifici disciplinari. Ma cosa vedeva Engels quando passeggiava lungo i viali di Manchester? Rispondere a questa domanda ci permette di rileggere gli studi urbani e studiarne la debolezza/solidità della loro base epistemologica.

In 1845 Engels finished writing “The condition of the working class in England”. A book that, re-read today, highlights all its complexity and richness where the author tries to answer questions that still remain central to all those who are part of what in this article I will try to call urban studies. In this sense, it is difficult to judge Engels’ book: which disciplinary view to “cage” it? In the last 175 years, in fact, there will be many researchers and researchers, with different disciplinary looks, who will start from the questions raised by the German scholar to describe and analyze the birth process of modern cities; but there will be many novelists who will take inspiration from Engels' text, demonstrating how his work was always perceived as a scientific product built on narrative devices difficult to classify in the current game of the disciplinary scientific sectors. But what did Engels see when he walked along Manchester avenues? Answering this question allows us to reread urban studies and study the weakness / solidity of their epistemological basis.


Parole chiave


classici; etnografia; studi urbani; ibridi

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Anderson N., (1923). The hobo, Chiacago: Chicago University Press.

Bachtin, M., (1979). Estetica e romanzo, Torino: Einaudi.

Berman M., (1982). All that is Solid Melts into Air. The Experience of Modernity, New York: Simon & Shuster (trad. it. L’esperienza della modernità, Bologna: Il Mulino, 1985).

Engels F., (1973). La situazione della classe operaia in Inghilterra, Roma: Editori Riuniti, introduzione di Eric Hobsbawm [1845].

Fabietti U., (1999). Antropologia culturale. L’esperienza e l’interpretazione, Roma: Laterza.

Foot Whyte W., (1943). Street Corner Society, Chicago: Chicago University Press.

Gluckman M., (1964). Closed systems and open minds, Edinburgh-London: Aldine Publishing.

Jacobs J., (2000). Vita e morte delle grandi città, Torino: Edizioni di Comunità [1961].

Johnson S., (2001). “Complessità urbana e intreccio romanzesco”, in F. Moretti, a cura di, Il romanzo, vol. 1, La cultura del romanzo, Torino: Einaudi, 727–750.

Lenin V.I., (1954). Opere complete, Roma: Editori Riuniti.

Lévi-Strauss C., (1955). Tristes Tropiques, Paris: Plon.

Lepenies W., (1987). Le tre culture. Sociologia tra letteratura e scienza, Bologna: Il Mulino.

Marx K., (1963). Manifesto del partito comunista, Torino: Einaudi [1848].

Marcus S, (1989). Engels, Manchester e la classe lavoratrice, Einaudi: Torino.

Mumford L. (1963). La città nella storia, Milano: Edizioni di Comunità.

Park R.E., Burgess E.W., McKenzie R.D., (1925). The city, Chicago: University of Chicago Press.

Puccini S., (1999). Andare lontano Viaggi ed etnografia nel secondo Ottocento, Roma: Carocci.

Semi G. (2006). Nosing around. L’etnografia urbana tra costruzione di un mito sociologico e l’istituzionalizzazione di una pratica di ricerca, working paper presentato all’interno del progetto di ricerca “Multiculturalismo quotidiano” dell’Università Statale di Milano coordinato da E. Colombo (2004-2006).

Sobrero M.A., (2010). Il Cristallo e la fiamma. Antropologia tra scienza e letteratura, Roma: Carocci.




DOI: https://doi.org/10.13133/2532-6562_4.7.16588

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2020 Giuseppe Scandurra



TU Tracce Urbane - Rivista Italiana Transdisciplinare di Studi Urbani - Italian Journal of Urban Studies. Rivista telematica scientifica della Sapienza Università di Roma registrata presso il Tribunale civile di Roma n 77 del 2017. ISSN: 2532-6562