Problemi e prospettive del sistema bancario italiano

Vito Meli

Abstract


Il testo commenta il lavoro di Montanaro e Tonveronachi (2017) in particolare riguardo gli aspetti legati alla tutela della concorrenza nel settore bancario italiano. Montanaro e Tonveronachi sembrano attribuire i problemi da loro riscontrati nel settore, tra le altre cause, anche a un eccesso di concorrenza. L’autore, invece, sostiene che è proprio la carenza di pressione competitiva, insieme ad altre ragioni, ad aver contribuito a non indurre il sistema bancario nazionale a procedere sulla strada della riduzione dei costi e dell’innovazione, ponendo così le basi per le difficoltà di “vitalità” rilevata da Montanaro e Tonveronachi.

The article comments on Montanaro and Tonveronachi (2017) with specific regard to competition and antitrust enforcement in the Italian banking sector. Montanaro and Tonveronachi partly attribute to “competitive excesses” the causes of the problems they undercover in the sector. In contrast, the author argues that a lack of competitive pressure contributed to prevent the banking sector from taking the road of costs reduction and innovation. Among other causes, this is a source of the problems highlighted by Montanaro and Tonveronachi.

JEL codes: L40, L43, G21

Keywords: antitrust, banking sector, competition


Parole chiave


antitrust, banking sector, competition

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Montanaro E. e Tonveronachi M. (2017a), “Dealing with the Vulnerability of the Italian Banking System”, PSL Quarterly Review, 70 (283), pp. 357-420.

Montanaro E. e Tonveronachi M. (2017b), “Vulnerabilità del sistema bancario italiano. Diagnosi e rimedi”, Moneta e Credito, 70 (280), pp. 299-368.




DOI: https://doi.org/10.13133/2037-3651_71.282_5

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2018 Vito Meli

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

 

Con il contributo di  

ISSN 2037-3651

Reg. Tribunale di Roma n.377/2009 del 19/11/2009