Inquadrare lo Statuto dei lavoratori nei suoi tempi (Understanding the Charter of Workers’ Rights in this historical context)

Gianfranco Pasquino

Abstract


Lo Statuto dei lavoratori è stato un grande successo del Partito Socialista Italiano e dei governi di centro-sinistra. Questo lavoro esplora alcuni fattori del contesto internazionale che hanno permesso questa riforma di fase in Italia. Cambiamenti nell’approccio dell’amministrazione USA, una successione difficile a capo del Partito Comunista dell’Unione Sovietica, il rinnovamento nella Chiesa Cattolica con il Concilio Vaticano, e la crescita della classe lavoratrice in Italia e il ruolo del ministro del lavoro socialista vanno tutti riconosciuti come fattori che hanno reso possibile questa significativa innovazione legislativa. Lo Statuto contiene infatti una visione del futuro, di una nuova società ancora a venire.

The Charter of Workers’ Rights was a major achievement of the Italian Socialist Party and of the center-left governments. This article explores some of the factors in the international context that allowed the appearance of a phase of reforms in Italy. Changes in the policies of the US administration; a difficult leadership succession in the Communist Party of the Soviet Union; the renewal of the Catholic Church thanks to the Vatican Council; and the enlargement of the Italian working class plus the role of the Socialist Minister of Labor must all be given credit for a truly significant piece of legislation. The Charter also contained a vision of the future, of a new society, still to come.

JEL codes: J5, K31, Z13


Parole chiave


Workers’ rights; Socialist party; Reformism; Center-left; Communist party; International system

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Amato G. e Graziosi A. (2013), Grandi illusioni. Ragionando sull’Italia, Bologna: Il Mulino.

Bell N. ([1959] 1961), La fine dell’ideologia, Milano: SugarCo.

Bell N. (1973), The Coming of Post-Industrial Society. A Venture in Social Forecasting, New York: Basic Books.

Bobbio N. (1984), Il futuro della democrazia, Torino: Einaudi.

Capussela A. (2019), Declino. Una storia italiana, Roma: Luiss University Press.

Dahrendorf R. ([1959] 1963), Classi e conflitto di classe nella società industriale, Roma-Bari: Laterza.

Flores M. e Gozzini G. (2018), 1968. Un anno spartiacque, Bologna: Il Mulino.

Mancini F. (1981), Terroristi e riformisti, Bologna: Il Mulino.

Pizzorno A. e Crouch C. (a cura di) (1977) Conflitti in Europa: lotte di classe, sindacati e stato dopo il ’68, Milano, Etas Libri.

Regini M. (2015), Trade Unions, in E. Jones e G. Pasquino (a cura di), The Oxford Handbook of Italian Politics (pp. 528-540), Oxford: Oxford University Press.

Touraine A. (1969), La société post-industrielle, Parigi: Denoël.




DOI: https://doi.org/10.13133/2037-3651/17423

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Copyright (c) 2021 Gianfranco Pasquino

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

 

Con il contributo di  

ISSN 2037-3651

Reg. Tribunale di Roma n.377/2009 del 19/11/2009