Proposte

Proposte online

Hai già Username/Password per L'Uomo società tradizione sviluppo?
Vai al Login

Ti serve Username/Password?
Vai alla Registratione

Registratione e login sono richiesti per sottoporre articoli e verificare online lo stato delle proposte inviate.

 

Linee guida per gli autori

L'Uomo accetta articoli scritti in italiano, inglese, francese e spagnolo. Gli articoli accettati dalla Redazione saranno inviati in lettura a due referees anonimi e potranno essere pubblicati nella stesura definitiva solo dopo il parere positivo dei referees.

Il testo va consegnato in formato elettronico, possibilmente in Microsoft Word (per chi usa Macintosh, inviare il documento in formato .rtf). Il testo inviato sarà considerato definitivo e la redazione interverrà solo sugli aspetti formali, riguardanti l’omogeneizzazione e l’impaginazione dei testi.

Il testo, comprensivo della bibliografia, delle note e di eventuali didascalie non deve superare 8.000 parole.

 

Titolo, autore, abstract

Il titolo del saggio dovrà essere allineato a sinistra.

Nome e cognome dell’autore, scritti per esteso, in corpo 12, vanno allineati a sinistra sotto il titolo. A capo, l’istituzione di appartenenza dell’autore (se presente), in corsivo.

Gli eventuali titoli dei paragrafi dell’articolo non debbono esser preceduti da numeri, di nessun tipo (1.1, 1.2, 2.1…3…). Nel corpo del testo i titoli dei paragrafi saranno posti in neretto. In caso di sottoparagrafi, inserire il titolo in corsivo.

La bibliografia va posta alla fine del contributo secondo le norme indicate di seguito.

Il testo va accompagnato da un riassunto di 250 parole in versione italiana ed inglese, dal titolo in inglese e da massimo 5 parole chiave nelle due lingue.

Il riassunto deve essere posizionato dopo il titolo e seguito dal titolo e dall’abstract in inglese. Questi saranno editati in corpo 11, corsivo, e con i margini rientrati.

Seguire il seguente schema:

Titolo

Nome e Cognome

Università o eventuale altra istituzione

 

Riassunto

Testo in corsivo, corpo minore, margini rientrati.

Parole chiave: in italiano (in tondo, separate da virgola; utilizzare l’iniziale maiuscola solo quando richiesto).

 

Titolo in inglese

Testo in corsivo, corpo minore, margini rientrati.

Key words: in inglese (in tondo, separate da virgola; utilizzare l’iniziale maiuscola solo quando richiesto).

 

Carattere

Times New Roman, corpo 12, giustificato, interlinea semplice, rimuovere gli spazi prima e dopo il paragrafo.

È necessario inserire un rientro di 0.5 cm per segnalare l’inizio del paragrafo (ovvero, ogni volta che si va a capo). Eccetto all’inizio del testo, a ciascun inizio sezione, ovvero quando risulta evidente il passaggio a un paragrafo differente.

Il titolo in italiano sarà in corpo 14 e in neretto.

Per eventuali citazioni estese, separate dal testo, usare corpo 11.

Le note saranno in corpo 10.

Nel testo, titoli, capitoletti e sottoparagrafi vanno separati tra di loro da un solo spazio, corpo 12.

 

Formato carattere

Normale: per tutto il testo.

Neretto: usare solo per i paragrafi.

Corsivo: usare per parole e locuzioni in lingua straniera (tranne quelle entrate nell’uso quotidiano) e titoli di opere. È preferibile evitare l’utilizzo del corsivo come “enfasi”.

Sottolineato: non ammesso.

 

Citazioni

Le citazioni brevi (non oltre due righe) vanno inserite nel testo tra i cosiddetti caporali: es. «…».

Le citazioni estese (di oltre tre righe) vanno separate dal testo e poste in corpo inferiore (Times New Roman 11). Alla fine, tra parentesi, indicare la fonte, di qualunque natura essa sia (citazione da altra opera, intervista, discorso diretto, etc.); es.: (Signorini 1979: 33). La punteggiatura va messa dopo la parentesi contenente il riferimento alla bibliografia o ad altro tipo di fonte.

Per rendere chiara la separazione dal testo è necessario dare una spaziatura all’inizio e una alla fine e rientrare i margini destro e sinistro di 1 cm.

 

Numeri, date e datazioni

I numeri dall’uno al dieci, in contesti discorsivi, debbono essere espressi in lettere, purché non legati a unità di misura. Quelli successivi vanno espressi in numeri arabi, che saranno puntati se composti da quattro o più cifre (es.:treindividui,300, 5.760, 10.000).

I decenni e le indicazioni temporali invariabili vanno con l’iniziale maiuscola (es: gli anni Ottanta, nel Novecento…); l’indicazione numerica del secolo, invece, va in numeri romani (es.: il XVIII secolo). La parola “secolo” va sempre scritta in minuscolo.

Le date hanno numero arabo per il giorno, il mese con iniziale minuscola, l’anno in cifre arabe (es.: 22 febbraio 1977).

 

Nomi e indicatori geografici; etnonimi; acronimi

Fatta eccezione per i corsi d’acqua, per i nomi geografici composti da due o più elementi, il primo va scritto con l’iniziale maiuscola (es.: Lago Maggiore, Golfo del Messico, Mar Mediterraneo, Valle di Oaxaca; la valle del Liri).

Utilizzare la lettera iniziale minuscola per gli indicatori geografici e toponomastici (es.: a settentrione, via, piazza, ecc.), così come per i punti cardinali, se scritti per esteso; questi ultimi prendono la maiuscola in caso di abbreviazione alla sola lettera iniziale (es.: sud, nord; S, O, NE).

Se usati come sostantivi, gli etnonimi vogliono l’iniziale maiuscola(es.: i Maya, i Nahua, i Maori, gli Spagnoli); altrimenti, se aggettivi, vogliono la minuscola (es.: una donna zapoteca, un villaggio tarasco).

I nomi di eventuali istituzioni o progetti in lingua straniera – come International Fund for Agricultural Development – vanno in tondo con iniziali maiuscole, e non in corsivo. Lo stesso vale per istituzioni e università straniere.

Gli acronimi vanno indicati in lettere maiuscole, senza essere separate dal punto. Es.: Universidad Nacional Autónoma de México - UNAM.

 

Note, rimandibibliograficie bibliografia

Le note avranno una numerazione progressiva e verranno poste a piè di pagina; ogni nota è richiamata da un numero in esponente ed ha inizio con un numero seguito da punto (senza parentesi). Il numero di nota va posto, quando possibile, alla fine della frase e sempre prima della punteggiatura.

Si raccomanda di non utilizzare le note per i semplici riferimenti alle fonti, che potranno invece essere direttamente indicati nel testo, es. (Malinowski 1922: 45). Potranno essere inseriti nelle note solo i rinvii bibliografici a testi non direttamente consultati; es.: Seler, E. 1902-1923, Gesammelte Abhandlungen zur Amerikanischen Sprach - und Altertumskunde, 5 voll., Berlin, A. Asher, vol. 3, p. 276; cit. in López Austin (1984: 267).

Tutti gli altri riferimenti vanno inseriti nel testo, tra parentesi tonde, in forma abbreviata secondo il sistema anglosassone, con l’indicazione del cognome dell’autore (ed eventualmente l’iniziale del nome, in caso di più autori con lo stesso cognome) seguito dall’anno di pubblicazione dell’opera e il numero di pagina preceduto da due punti (nel caso di più pagine, queste devono essere indicate per esteso); es.: (Lévi-Strauss1949:44; Simonicca 2006: 37-41).

Nel caso di due o più titoli dello stesso autore con il medesimo anno di edizione, dopo la data va aggiunta la lettera a, b, c, ecc. in tondo, senza interposizione di spazio; es.: (Sobrero 1996a, 1996b: 678, 1996c: 33-52). Nel caso di opere pubblicate da due o tre autori, i nomi vanno separati dalla & (es.: López Austin & López Luján 2009). Nel caso di rinvii a più opere all’interno dello stesso riferimento, i singoli separati dal punto e virgola.

I testi saranno citati in ordine cronologico crescente e, qualora le opere avessero lo stesso anno di edizione, in ordine alfabetico secondo il cognome dell’autore. In caso di riferimenti bibliografici discorsivi (dove si cita l’autore all’interno e non alla fine), l’autore sarà seguito dalla data e l’eventuale pagina tra parentesi. Es.: Lupo (2009: 45). Lo stesso vale per le elencazioni; gli autori saranno separati da punto e virgola, mentre opere diverse dello stesso autore saranno separate dalla sola virgola. Es.: cfr. Ojo (1988a, 1988b, 2007); Fatokun (2007).

Lo scioglimento dei rinvii bibliografici avverrà nella Bibliografia, inserita alla fine del testo. I riferimenti bibliografici saranno elencati in ordine alfabetico-cronologico. Accanto alla data di pubblicazione dell’edizione consultata (che verrà utilizzata per i rimandi nel testo), indicare tra parentesi tonde l’eventuale data di prima pubblicazione.

I titoli in lingua straniera vanno mantenuti secondo la formattazione originale. Ad esempio, nei titoli in inglese vanno mantenute le maiuscole per tutte le parole che non siano congiunzioni, preposizioni, etc.: Geertz, C. 1973. The Interpretation of Cultures e non The interpretation of cultures.

In caso di ripetizione consecutiva dello stesso autore, il cognome deve essere sempre esplicitato e non sostituito dal trattino lungo (—).

 

Seguono alcuni esempi:

 

Monografia, un solo autore

 

(Non va inserito uno spazio di separazione fra le iniziali puntate)

Cognome, N. anno. Titolo completo. Luogo di pubblicazione: Editore.

 
Es.: Gombrich, E.A. 1973. Symbolic images. Londra: Phaidon.

Monografia, due o tre autori e curatele.

 

La locuzione che indica la curatela deve essere indicata secondo l’uso della lingua della pubblicazione citata (ad es.: ed./eds. in inglese; éd./éds. in francese; hrsg in tedesco; coord./coords per le miscellanee in spagnolo; ed./eds. per le edizioni curate da un autore, in spagnolo)

Le parentesi vanno utilizzate quando si cita l’intera opera, ma non quando si esplicita la curatela nella citazione di un singolo saggio.

Cognome, N., Cognome, N. & N. Cognome anno. Titolo completo. Luogo di pubblicazione: Editore.

 

Es.: López Austin, A. & L. López Luján 1996. El pasado indígena. México: Fideicomiso Historia de las Américas - Fondo de Cultura Económica.

 

Csordas, T. (ed.) 1994. Embodiment and experience. The existential ground of culture and self. Cambridge: University Press.

 

Colajanni, A. 2012. Note e riflessioni sulla consulenza antropologica, in Il mestiere dell’antropologo. Esperienza di consulenza tra istituzioni e cooperazione allo sviluppo, a cura di F. Declich, pp. 37-50. Roma: Carocci.

 

 

Informativa sui diritti

Gli autori che pubblicano su questa rivista accettano le seguenti condizioni:

a. Gli autori mantengono i diritti sulla loro opera e cedono alla rivista il diritto di prima pubblicazione dell'opera, contemporaneamente licenziata sotto una Licenza Creative Commons - Attribuzione che permette ad altri di condividere l'opera indicando la paternità intellettuale e la prima pubblicazione su questa rivista.

b. Gli autori possono aderire ad altri accordi di licenza non esclusiva per la distribuzione della versione dell'opera pubblicata (es. depositarla in un archivio istituzionale o pubblicarla in una monografia), a patto di indicare che la prima pubblicazione è avvenuta su questa rivista.

c. Gli autori possono diffondere la loro opera online (es. in repository istituzionali o nel loro sito web) prima e durante il processo di submission, poichè può portare a scambi produttivi e aumentare le citazioni dell'opera pubblicata (Vedi The Effect of Open Access).

 

Informativa sulla privacy

I nomi e gli indirizzi email inseriti in questo sito della rivista saranno utilizzati esclusivamente per gli scopi dichiarati e non verranno resi disponibili per nessun altro uso.