La gente dell'ippopotamo

Tito Spini, Giovanni Antongini

Abstract


La società lobi (Burkina-Faso) caratterizzata da una struttura acefala senza esplicite gerarchie, presenta una divisione orizzontale che separa gli individui di "razza pura" da quelli "aggiunti" (schiavi acquistati o prede di guerra). Tale separazione origina forme cultuali che si trasformano in strumenti di riscatto sociale. Al culto dell'ippopotamo - metafora e simbolo del fiume sacro, il Volta Nero - alcuni discendenti di antichi schiavi, esclusi dall'esercizio dei grandi culti matriclanici, affidano il compito di "equilibratore sociale" che agisce sia nella legittimazione di ruoli di potere politico-religioso (indovini, guaritori, capi di mercato...) sia nella delimitazione di aree geografiche.


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.